Tatuaggi tribali, significato e simboli dei disegni più belli [FOTO]

Con il termine 'tribali' si fa riferimento ai tattoo che si ispirano a quelli degli indigeni e comprendono sia i tatuaggi maori della Nuova Zelanda, sia i tatuaggi polinesiani, hawaiani e delle altre isole del Pacifico. Prima di scegliere il disegno adatto a voi, dovete conoscere i simboli e i significati di tatuaggi così antichi e importanti.

Pubblicato da Francesca Bottini Lunedì 7 maggio 2012

I tatuaggi tribali hanno avuto una grandissima fortuna e sono ispirati ai tatuaggi degli indigeni del Pacifico che usavano questi disegni per comunicare le loro vittorie o l’appartenenza a una famiglia. Il significato dei tatuaggi tribali è quindi molto antico e nella vostra scelta dovete tenerne conto. Se tutti i tatuaggi tribali sono portatori di simboli e significati importanti, non sono comunque tutti uguali nello stile e nella forma: con il termine “tribali” infatti non si indicano solo i disegni dalle linee astratte e marcate, in nero, tipici di molti tatuaggi maschili ma anche i tatuaggi maori, quelli hawaiani, caratterizzati da linee morbide e fiori e i tatuaggi polinesiani. Inoltre, in queste culture anche le donne erano solite tatuarsi molti simboli sulla pelle, quindi i tatuaggi femminili da cui trarre ispirazione di certo non mancano. Per scegliere al meglio, scoprite i significati dei tatuaggi tribali più amati e più famosi.

La storia dei tatuaggi tribali

Fiori e farfalle tribali sulla spalla

Praticamente da sempre le persone hanno decorato il loro corpo con disegni e veri e propri tatuaggi. Già nei dipinti rupestri del paleolitico superiore appaiono uomini con il corpo tatuato: pensate che nelle Alpi italiane è stata ritrovata una mummia di 5000 anni fa tatuata. Anche gli Egizi, Aztechi, Celti, Sciti erano soliti tatuare il loro corpo con disegni, a cui attribuivano una potere quasi magico. Secondo gli antichi infatti, i tatuaggi erano utili per i riti di fertilità, per difendersi dagli spiriti e per proteggere i nuovi nati.
In passato però i tatuaggi venivano fatti in modo molto diversi rispetto ad oggi: venivano infatti disegnati raschiando la pelle o picchiettandola con un punteruolo e con un martelletto. Ad oggi si conoscono tecniche avanzate e sicuramente molto meno dolorose, quella del tatuaggio è diventata un’arte vera e propria e alcuni tatuatori sono oggi celebrities conosciute in tutto il mondo, grazie anche a programmi televisivi dedicati al mondo dei tattoo.

I significati dei tatuaggi tribali

Tatuaggio fiore tribale sul piede
Ecco i significati dei tatuaggi tribali più conosciuti:

  • Squalo: forza, adattabilità e resistenza
  • Squalo martello: forza, potenza, determinazione
  • Tartaruga: guida, famiglia, navigatore (Polinesia); longevità (Asia)
  • Balena: famiglia; protezione
  • Delfino: armonia, amicizia; protezione
  • Manta: saggezza, eleganza, libertà
  • Conchiglia: amore, intimità e protezione
  • Kokopelli, Tiki: fertilità, protezione
  • Puhoro: motivo che simboleggia velocità
  • Te Manaia: equilibrio tra aria, terra e acqua, spirito guardiano
  • Triskell: eternità e unità; vita, morte e rinascita
  • Leone: coraggio, regalità
  • Lucertola: fortuna, vita
  • Uccelli: libertà e comunicazione con gli dei
  • Farfalla: anima, trasformazione, libertà
  • Libellula: magia, trasformazione
  • Gufo: conoscenza, saggezza, magia
  • Fenice: immortalità, eternità, rinnovamento
  • Koru (germoglio di felce): rinascita, nuovo inizio
  • Twist, intreccio: forte legame, amore eterno
  • Lupo: fedeltà
  • Gatto: cambiamento, adattabilità
  • Mano di Fatima, Hamsa: protezione dal male
  • Fuoco: mutamento
  • Onde, acqua: continuità nel cambiamento, vita
  • Cerchio,disco: il cerchio della vita; unità, origini
  • Sole: eternità, vita, gioia
  • Luna: femminilità, fertilità
  • Fiore di loto: perfezione, vincere le avversità
  • Ascia: guerriero, combattente

Dove fare un tatuaggio tribale?

Tatuaggio uccello tribale sulla schiena

Un tattoo può essere fatto in qualsiasi parte del corpo ma in base alla forma del disegno e alle caratteristiche del vostro corpo dovrete trovare la posizione perfetta. La scelta di una parte del corpo piuttosto che in un’altra, può anche avere un significato; nelle culture antiche, infatti, collocare un tatuaggio tribale sulla schiena, sul fianco o sulla parte posteriore del corpo, simboleggiava la volontà di lasciarsi qualcosa alle spalle e la capacità di aver superato una situazione difficile.
La posizione che si sceglie per un tatuaggio per alcuni ha anche un legame con il tipo di personalità: sembra infatti che i tatuaggi su spalle e braccia, siano scelti soprattutto da persone che hanno bisogno di essere sempre in movimento. Il collo è preferito da persone un po’ introverse che non riescono bene a esprimere i propri sentimenti, mentre il tatuaggio sulla schiena esprime la paura di prendere decisioni. Il tatuaggio sulla mano sinistra esprime il desiderio di potere e quello sulla destra, la giustizia.
Tutto ciò chiaramente è legato al mondo della simbologia, ma per scegliere una parte del corpo in cui tatuarsi possono entrare in gioco moltissime altre motivazioni: dal desiderio di tenerlo nascosto perché è molto personale, oppure perché per ragioni lavorative non è possibile mostrarlo. Quel che è certo è che ci sono alcuni punti che sono diventati assolutamente una “moda” negli ultimi anni, facciamo qualche esempio? L’avambraccio, le caviglie, il fianco e, soprattutto per i tatuaggi piccoli e femminili, il lato esterno del polso e le dita delle mani.
Ovviamente quando si sceglie la parte del corpo in cui tatuarsi bisogna tenere conto anche delle dimensioni del disegno e soprattutto, seguire l’istinto va bene, ma anche ricordarsi che un tatuaggio è difficile da cancellare e il rischio di pentirsi di una posizione sbagliata è sempre dietro l’angolo.

Siete curiose di scoprire di più sui disegni i stile tribale? Qui abbiamo selezionato per voi i tatuaggi maori più belli.