Scegliere di tagliare i capelli in base alle fasi lunari? Si può!

Pare proprio che tagliare i capelli seguendo attentamente le fasi lunari abbia davvero dei risvolti positivi sul nostro cuoio capelluto. Non so voi, ma io sono curiosissima di provare!

Pubblicato da Angelica Ciardella Martedì 19 luglio 2011

Scegliere di tagliare i capelli in base alle fasi lunari? Si può!

Scegliere di tagliare i capelli alcune volte, anzi spesso, è simbolo di cambiamento, di voler rivoluzionare qualcosa della propria vita partendo, appunto, dai capelli! Quando si dice “dare un taglio con il passato” per noi donne implica proprio questo gesto. Per altre invece il taglio dei capelli è un vero supplizio, una tragedia alla quale bisogna però sottoporsi per far rinvigorire il nostro cuoio capelluto. Vi ricordate, cosa che anche oggi si afferma, le nostre mamme quando ci dicevano: “oggi la luna è ottimale per un bel taglio di capelli” con la spiegazione che, studiando questo fenomeno della fasi lunari, i capelli sarebbero cresciuti più rapidamente rispetto al solito. Scopriamone di più!

Seguendo quelle che sono le credenze popolari, come vi ho spiegato pochissimi secondi fa, le fasi lunari, solo alcune ovviamente, possiedono un grandissimo effetto ed una fortissima influenza sui nostri capelli tanto da poter affermare che, seguendo alcune regole dettate proprio da questo fenomeno, i capelli ne traggono enormi vantaggi a livello di crescita e di infoltimento.

Se studiamo attentamente il calendario delle fasi lunari e notiamo che in questo periodo la luna è in leone allora è meglio correre dal parrucchiere perchè, tagliando in questo determinato momento i capelli, avremo un infoltimento maggiore rispetto agli altri periodi.

Se invece la luna si trova in vergine dobbiamo star certe che, tagliando i capelli, questi cresceranno sicuramente più in fretta e molto più sani e splendenti del solito, un miracolo!

E poi c’è lei, la famosa luna crescente, quella più conosciuta, secondo la quale, tagliare i capelli in questa fase, li renderebbe più forti e resistenti.

Si tratta ovviamente di credenze non ancora bene sperimentate, di detti che si tramandano di generazione in generazione ai quali ognuno è libero di crederci o meno.

Io sono dell’opinione che tentar non nuoce, chissà!