Pentirsi di un tatuaggio? Non più, con i consigli giusti

da , il

    Pentirsi di un tatuaggio? Non più, con i consigli giusti

    Pentirsi di un tatuaggio? Ammettiamolo, anche le ragazze più coraggiose, quando si trovano di fronte all’ipotesi di farsi fare il primo tatuaggio, vengono assalite da migliaia di dubbi. I più frequenti sono quelli che riguardano il dolore, la possibilità che il tatuaggio possa venire male, o ancor peggio, la possibilità che a lungo andare possiamo stancarci del nostro tanto desiderato tattoo! Ebbene, grazie a questa nostra pratica guida potrete finalmente scoprire se è o non è il caso di farvi incidere la pelle con un disegno o una frase che – è bene ricordarlo – durerà per sempre! Cominciamo subito!

    Farsi fare un tatuaggio fa male?

    Questa è senza alcun dubbio una delle domande più frequenti care ragazze! Innanzitutto, va sottolineato che il dolore è soggettivo, ma quello che si prova quando ci si fa fare un tatuaggio è senza dubbio un dolore decisamente sopportabile. Esistono comunque dei punti particolari in cui farsi il tatuaggio potrebbe fare meno male. In linea di massima, dovreste fare il tatuaggio dove più vi piace, ma se siete delle vere e proprie ”fifone”, potreste farlo sulle zone in cui vi è “più carne”. Ricordate bene, più il tattoo è vicino alle ossa, più si sente il fastidio!

    Quale tatuaggio farsi fare?

    Se si tratta del primo tatuaggio, oltre a consigliarvi di ragionare bene sulla grandezza del soggetto da farvi incidere (per la prima volta sarebbe preferibile un disegno piccolo), possiamo consigliarvi di farvelo fare in un punto in cui non lo vedete sempre. In tal modo eviterete il rischio di stancarvi presto della vostra nuova opera d’arte. Detto questo, vi consigliamo anche di farvi fare – come prova – un tatuaggio temporaneo (ad esempio un tatuaggio all’hennè), e di evitare di copiare tatuaggi altrui, come ad esempio quelli delle star. Prendere ispirazione dai tattoo che spesso trovate sul web è più che comprensibile e utile, ma non copiateli completamente. Il vostro tatuaggio dovrà essere molto personale, dovrà descrivere una parte di voi e del vostro carattere.

    Tatuaggio d’amore: si o no?

    L’amore è bello … finché dura, e questo le ragazze più romantiche devono cercare di non dimenticarlo mai! Quante volte avete sentito parlare di persone che – dopo aver tatuato l’iniziale o l’intero nome del partner sulla pelle – sono giunte inesorabilmente al capolinea? Un esempio celebre è senza dubbio quello di Federica Pellegrini, che dopo aver tatuato il soprannome del fidanzato Mauro Marin (Balù) ha poi troncato la relazione con lui, per finire fra le braccia dell’attuale compagno Filippo Magnini. Naturalmente il tatuaggio è stato prontamente trasformato in un altro soggetto, una rondine per l’esattezza. In linea di massima quindi, il nostro consiglio è quello di evitare tatuaggi d’amore.

    Detto questo, care ragazze, non vi resta che applicare i nostri semplici consigli, e scegliere quale sarà il vostro primo tattoo!