Il massaggio Osho Rebalancing

Si tratta di una massaggio profondo che agisce sul corpo per liberare la mente. La meta è la riconquista dell’armonia con sé stessi. Si tratta, nello specifico, di una sintesi di diverse tecniche, tra cui trager, rolfing, massaggio craniosacrale, shiatsu, rebirthing e respiro circolare.

Pubblicato da Valentina Morosini Lunedì 14 dicembre 2009

Il massaggio Osho Rebalancing

A Natale non sappiamo mai cosa regale? Quest’anno la moda è un bel tratta mento di bellezza, qualcuno pensa addirittura a un intervento chirurgico. Tra i trattamenti il massaggio è uno di quelli più indicati perché è un momento di piacere e soprattutto non si rischia di offendere nessuno. Una pulizia del viso, una seduta antiaging possono essere offensive o male interpretate. Oggi vediamo insieme il massaggio Osho Rebalancing, una tecnica che permette di liberare la mente agendo sul corpo. La meta è la riconquista dell’armonia con se stessi. Si tratta di una sintesi di diverse tecniche, tra cui trager, rolfing, massaggio craniosacrale, shiatsu, rebirthing e respiro circolare.

Questo massaggio è nato all’interno della comunità indiana Poona, alla fine degli anni Settanta. Suo ideatore è ritenuto il maestro Osho, tanto da essere chiamato Osho Rebalancing. La combinazione delle gestualità contribuisce a instaurare un contatto unico tra chi esegue il massaggio e chi vi si sottopone, che è la peculiarità principale del metodo Rebalancing.

In quanto gesto d’amore, il massaggio deve infatti essere ‘sentito’ da chi lo effettua tanto quanto da chi lo riceve ed è sempre in funzione della sua portata emozionale che si articola non in una seduta, ma in un percorso di crescita articolato in (almeno) dieci incontri.

Il terapeuta di Rebalancing ricorre all’uso del massaggio per agire più sulla mente che sul corpo, la tecnica si avvale sempre dell’intuizione, lasciando le mani libere di agire sul corpo dell’assistito. Ideale per chi ha bisogno di resettare completamente la sua giornata.