Il lifting alle staminali, ora anche in Italia

Le staminali sono il futuro della bellezza. Da qualche mese anche in Italia è arrivato il primo intervento chirurgico che le utilizza: il lifting. E' stato eseguito da un dottore italiano proprio a Roma e prevede il prelievo di adipe del paziente che una volta arricchito dalle staminali è stato rintrodotto nel zone critiche

Pubblicato da Valentina Morosini Lunedì 22 giugno 2009

Le staminali sono il nostro futuro, anche della bellezza. A dirlo qualche anno, saremmo state guardate come delle pazze, eppure oggi la medicina ha fatto passi da giganti. Poco più di un mese fa, è stato effettuato in Italia il primo lifting con cellule staminali.
Nel nostro Paese questo trattamento non si era mai visto, solo gli inglesi in Europa avevano applicato questa nuova tecnica che prevede il prelievo di adipe dal paziente e che una volta arricchito dalle staminali, viene nuovamente iniettato nelle zone dove devono essere eliminati i segni d’invecchiamento.

Ma quali sono i vantaggi? Prima di tutto è più difficile che avvengano reazioni di rigetto, molto comuni negli interventi di chirurgia estetica con relative complicazioni. E poi dobbiamo immaginare che ora si parla di un semplice lifting, ma questa pratica con le staminali potrà essere utilizzata anche in operazioni più complesse. Inoltre, gli effetti delle staminali sono immediati, con una seduta si vedono già i primi risultati.

“Il lifting alle staminali rappresenta il futuro della chirurgia estetica e apre nuovi e interessanti scenari sull’impiego di una nuova tecnologia che rispetta al massimo il corpo della paziente in cui tagli e cicatrici saranno sempre meno invasivi. Stiamo entrando nell’era della chirurgia plastica ed estetica naturale”, ha spiegato il Dottor Scalco, Presidente dell’Associazione medica chirurgia estetica avanzata, nonché il medico che ha eseguito il primo intervento.