Depilazione: qualche dritta per usare l’epilatore elettrico

Qualche consiglio per utilizzare gli epilatori elettrici.

Pubblicato da Simona Redana Giovedì 22 luglio 2010

Depilazione: qualche dritta per usare l’epilatore elettrico

La depilazione è fondamentale per apparire belle, pulite e curate. Ma se non vogliamo ricorvi ogni santo giorno, più che la depilazione dovremmo scegliere l’epilazione, eliminando i peli alla radice. Di solito questo aiuta a star lontano da cerette ed epilatori elettrici per qualche giorno o addirittura qualche settimana. Le più sfortunate, come me, devono invece ripetere l’operazione almeno due volte la settimana… Se siete come me o comunque vi ritrovate i primi peletti già dopo una decina di giorni, è meglio scegliere l’epilatore anziché la ceretta (a meno che non abbiate un abbonamento dall’estetista)!
Per utilizzare al meglio questo strumento infernale chiamato epilatore elettrico (o silk-èpil) bisogna seguire alcuni piccoli accorgimenti. Innanzitutto sceglietene uno adatto a voi e alle vostre necessità. I nuovi epilatori Babyliss per esempio sono senza filo, adatti a chi viaggia. L’epilatore Fresh Extreme di Rowenta invece diffonde sulla pelle un potente getto di aria fresca contro il dolore. L’importante è scegliere tra i migliori epilatori sul mercato, perché il prezzo non è accessibile come quello di un rasoio o di una crema depilatoria, ed è meglio fare una scelta che si riveli poi definitiva.

Non ricorrete all’epilatore quando i peli sono ancora troppo corti: lasciateli crescere di almeno mezzo centimetro prima di estirparli, sarebbe tutta fatica sprecata (per quanto gli epilatori pubblicizzati ultimamente promettano di individuare e catturare anche i peli non visibili ad occhio nudo – se non sono visibili, poi, a che serve toglierli?). Concedetevi un peeling o uno scrub prima dell’epilazione per evitare peli incarniti, e se possibile passate l’epilatore dopo la doccia e non prima (anche se in molte sono abituate diversamente). In questo modo i pori della pelle saranno più aperti. Sempre che la doccia sia tiepida o calda, ovviamente.

Passate l’epilatore sulla pelle nel senso opposto rispetto alla crescita dei peli (quello che si dice “contropelo“) e fatelo comunque lentamente, con calma. Inutili i movimenti netti (tipo strappo della ceretta per intenderci): anziché abbreviare i tempi otterrete il risultato opposto. Inoltre, è sempre meglio passare due o tre volte sulla stessa zona perché le pinzette, per quanto numerose (di solito arrivano a circa 40) non potranno mai estirpare tutti i peli in una volta. Infine, applicate una crema pensata per il post-epilazione o una semplice crema idratante e lenitiva per il corpo, in modo da attenuare arrossamenti e pelle secca.