Corso di make up online seconda lezione: come realizzare una base trucco perfetta

Come realizzare una base trucco che sia assolutamente perfetta? Ecco tutti i consigli a partire dalla crema per un trucco impeccabile dalla mattina alla sera.

Pubblicato da Siria Make up Lunedì 27 febbraio 2012

Corso di make up online seconda lezione: come realizzare una base trucco perfetta

Eccoci di nuovo qui care lettrici per la seconda lezione del corso di make up! Dopo aver appreso quali sono gli strumenti necessari per la base perfetta, è arrivata finalmente l’ora di usarli! Per un make up da invidiare è fondamentale creare una buona tela (il nostro viso) su cui poter iniziare a ‘dipingere’ con fantasia. Ecco passo dopo passo come fare per avere un make up perfetto.
1. Dopo aver lavato bene il viso, applichiamo una buona crema. Quale usare? Importantissima è la qualità, quindi usate prodotti poveri di siliconi e di altre sostanze che a lungo andare si rivelano nocive per la nostra pelle. Se la vostra epidermide è sensibile, recatevi in un’erboristeria o meglio ancora in una farmacia, lì sapranno indirizzarvi verso il prodotto più adatto per voi. Per le più giovani (18-25 anni) è necessario usare una crema che sia idratante, nonostante l’età ricordatevi che l’idratazione è fondamentale per avere una pelle soda ed elastica. Per le ragazze più grandi (25-35 anni) è necessario iniziare a usare creme idratanti più specifiche, meglio se contenenti acido ialuronico per la prevenzione delle rughe. Mentre per le pelli mature (dai 40 in su) consiglio creme lifting, possibilmente ad effetto immediato, in modo da ‘tirare’ leggermente la pelle per poi stendere con facilità i prodotti make up.

Per quanto concerne la texture ricordate sempre che: per pelli secche occorre una crema molto idratante, magari a rilascio prolungato. Per pelli grasse, nonostante siano impure, occorre comunque una crema idratante, ma molto più leggera, quindi seboequilibrante e lenitiva. Per pelli miste, provate creme ‘oil free’ che aiutano a riequilibrare la produzione di sebo senza essere aggressive.

2. Passiamo al fondotinta, anche qui bisogna distinguerlo in base ai diversi tipi di pelle. Innanzitutto vi dirò come applicarlo correttamente: con un pennello o una spugnetta (date un’occhiata alla prima lezione) tamponate il fondotinta dal centro del viso verso l’esterno, e dal basso verso l’alto, in modo da contrastare la nascita delle rughette (vale per tutte!).

Per chi ha una pelle grassa con molte imperfezioni, quindi brufoletti, macchie, molti nei, occorre utilizzare un fondotinta compatto, che essendo molto coprente permette di ‘mascherare’ piccoli difettucci. Per questo tipo di fondotinta è meglio utilizzare una spugnetta bagnata, rimuovendo l’eccesso di acqua su una velina o sul dorso della mano. Potete anche usare un fondotinta fluido ma che sia senza olii e che sia ‘matte’.

Per le pelli curate e con poche imperfezioni vi consiglio di non ostruire troppo i pori, perché non c’è bisogno di coprire molto, quindi usate una crema colorata (le ormai famigerate BB Cream) ma state attente agli ingredienti! Tenete bene d’occhio questa sostanza, il dimethicone, atossica ma che forma una barriera sulla pelle, e usata tutti i giorni occlude i pori. Quindi evitate di utilizzare quotidianamente questo tipo di prodotto! Se non volete comprare una BB Cream fate semplicemente un mix della vostra crema abituale con un po’ di fondotinta fluido ed otterrete lo stesso effetto. Premetto che oramai quasi tutti i prodotti di cosmetica contengono questa sostanza e anche io ne faccio uso, ma ripeto, non tutti i giorni, non è detto che un prodotto che contiene dimethicone non sia buono,anzi è proprio grazie a questa sostanza che otteniamo una pelle ‘levigata’, ma come molte cose è meglio usarla responsabilmente.

Per pelli mature usate un fondotinta ad effetto lifting preferibilmente ricco di vitamine. Per le pelli secche usate un buon fondotinta idratante, liquido e a base di acqua che ‘disseta’ la pelle. Per pelli miste, ahimè dovete usare due tipi di fondotinta, nelle zone più grasse un oil free, mentre nelle zone più secche uno idratante.

Esistono poi fondotinta in mousse e fondotinta minerali, cosa sono? Il primo è molto coprente e crea come un velo di cipria, è anche molto visibile, consigliato quindi solo in serate particolari meglio non usarlo sempre per evitare l’effetto maschera e irritazioni della pelle. Per quanto riguarda i fondotinta minerali, (acquistabili soprattutto online) sono molto coprenti ma allo stesso tempo non fanno l’effetto maschera, uniformano l’incarnato senza essere aggressivi e sono indicati soprattutto per chi ha una pelle grassa o mista.

3. I correttori, vanno applicati dopo il fondotinta, altrimenti la loro colorazione scomparirebbe. Le tonalità vanno dall’avorio al beige, per coprire i brufoletti che il fondotinta non ha nascosto (mi raccomando usatelo solo se realmente non vi sentite soddisfatte della copertura del fondotinta poiché è pur sempre un prodotto che copre la pelle e non la fa respirare moltissimo) e vanno applicati solo sulle imperfezioni per poi essere sfumati con i polpastrelli. Ricordate sempre di prendere una tonalità più chiara rispetto al colore del fondotinta. Molto importanti per una base trucco perfetta sono i correttori molto chiari (quasi bianchi o giallognoli) che servono per illuminare alcuni punti del viso, come la parte inferiore dell’arcata sopracciliare, l’angolo interno dell’occhio alla base del naso, l’angolo esterno dell’occhio e la parte superiore degli zigomi.

Le tonalità sull’arancio o sul pesca sono fondamentali per camuffare le occhiaie: con un pennellino prelevatene un po’ e mischiatelo con pochissimo fondotinta, picchiettate poi il prodotto sulla zona interessata e sfumate con i polpastrelli o con il pennellino stesso. Ci sono poi correttori utili a cambiare il vostro incarnato: verde per coprire la couperose o altri rossori della pelle, lilla per donare al volto luminosità se avete la pelle spenta e giallastra, ed infine rosa per far apparire la pelle più sana. Per quanto riguarda questi ultimi tre correttori vi consiglio di usare quelli in crema, (ottimi ed economici quelli di Kiko) in modo da poterli utilizzare più facilmente stendendoli in tutto il viso proprio come una crema, mi raccomando però ad applicarli prima del fondotinta.

4. Ultimo importante prodotto: la cipria o la polvere di riso. Necessari per opacizzare la pelle, coprire le lucidità dovute al fondotinta e ai correttori che sono un po’ grassi, e per fissare tutto il vostro make up. Ci sono in commercio ciprie trasparenti, che non donano colore alla pelle ma la opacizzano, in modo da non rendere inutile tutto il lavoro fatto in precedenza! Vi consiglio assolutamente queste, per quanto riguarda la polvere di riso, la differenza è che quest’ultima è molto più leggera e quindi tende a coprire di meno la pelle, inoltre è del tutto naturale! Prendete un po’ di prodotto con il pennello da cipria e dopo aver tolto l’eccesso sbattendo un po’ il pennello sul dorso della mano, passatela su tutto il volto.

Un ultima cosa care lettrici, se il vostro trucco dovrà durare molto (dalle 5 alle 8 ore) prima del fondotinta e dopo la crema applicate un leggero strato di primer ( una crema trasparente) su tutto il viso, questa operazione fatela solo se necessaria per un evento importante! Poiché il primer, copre moltissimo la vostra pelle.

Spero questa lezione vi sia piaciuta! Lasciate qui sotto commenti per le prossime lezioni sugli occhi. Un bacio a tutte, al prossimo lunedì!

Foto da: Ragis Andrade

;