Chirurgia estetica: la brachioplastica per le braccia

La brachioplastica è una tecnica chirurgica che serve a eliminare l'eccesso di tessuto adiposo nelle braccia. Ricorre a questo intervento chi a seguito di un repentino dimagrimento o per l'età avanzata ha braccia poco toniche.

Pubblicato da AnnaMarchese Venerdì 5 marzo 2010

Chirurgia estetica: la brachioplastica per le braccia

Oltre a seno, viso, glutei e cosce, sappiamo che la chirurgia opera su tutti i lati del nostro corpo e può modificarne ogni parte. Una tecnica che si sta diffondendo sempre più è la brachioplastica, attuata per chi, dopo una certa età, intende avere braccia toniche e distese. Questo genere di intervento è finalizzato a rimodellare le braccia riducendo sia l’accumulo di grasso sia la pelle in eccesso. La maggior parte delle donne che la richiedono ha già una certa età, e quindi spesso non si tratta di riparare a una propria colpa, ma piuttosto di rimediare al naturale decorso della pelle, che nel corso degli anni tende rilassarsi sempre di più.
La cosa migliore da fare, per chi è ancora in tempo, per evitare di ricorrere al bisturi in futuro, è l’attività fisica, perché il problema delle braccia “flaccide” può sorgere a seguito di un repentino dimagrimento o proprio per mancanza di esercizi che rassodino e tonifichino le braccia.

La brachioplastica viaggia sulla scia della liposuzione, infatti, la prima cosa effettuata durante l’intervento, è la lipoaspirazione, ovvero l’aspirazione del tessuto adiposo. Successivamente viene eliminata la pelle in eccesso attraverso un solco ascellare.

In questo caso le cicatrici e i segni dell’intervento sono minimi e tendono a scomparire, diversamente, se le braccia da operare sono molto flaccide, si procede con un’incisione longitudinale nella parte interna del braccio che risulterà molto visibile, ed è questo uno dei più grandi contro dell’operazione.