Chirurgia estetica, anche le nonne ne vanno pazze

Se un decennio fa, le pazienti che rivolgevano ai medici per un ritocco avevano dai 30 ai 50 anni, adesso l’età media si è spostata intorno ai 50, ma capita che anche le signore tra i 70 e i 75 vadano in “pellegrinaggio”.

Pubblicato da Valentina Morosini Sabato 8 maggio 2010

Chirurgia estetica, anche le nonne ne vanno pazze

Ringiovanire è un problema soprattutto delle donne di una certa età, anche se oggi la mania delle rughe tocca anche le ragazze con più di 30 anni. Bisogna essere belle come le donne dello spettacolo, quelle dello spettacolo di seconda generazione devono conservare il posto e dimostrare 20 anni meno (vedi la Parietti), non importa se poi sembrano di gomma. E così moda sta contagiando anche le signore over 70. Superata questa soglia di età, la percentuale di uomini e donne che richiedono il ritocchino è in enorme aumento. Lo hanno dimostrato i dati della Sime che saranno discussi a breve durante il Congresso nazionale della Società italiana di medicina estetica.

Se un decennio fa, le pazienti che rivolgevano ai medici per un ritocco avevano dai 30 ai 50 anni, adesso l’età media si è spostata intorno ai 50, ma capita che anche le signore tra i 70 e i 75 vadano in “pellegrinaggio”.

“L’età media dei nostri pazienti è senza dubbio aumentata – spiega Emanuele Bartoletti, segretario generale della Sime – Mentre qualche anno fa i pazienti del medico estetico avevano soprattutto tra i 30 e i 50 anni, adesso è l’età media quella dei 50″. Ma capita spesso di visitare pazienti di 70-75 anni, e la richiesta è sempre la stessa: ringiovanire. “ se 10-15 anni fa erano rari i 70enni, oggi è molto frequente incontrarli nei nostri studi. Possiamo parlare dell’8% di tutti i pazienti” commenta Scuderi.

Cosa chiedono? Di tutto: dalla semplice punturina di botulino o acido ialuronico, fino al lifting e all’addominoplastica. La richiesta è sempre la stessa: ringiovanire.