Capelli sfibrati, ecco come curarli a casa

La cura dei capelli sfibrati parte da un semplice concetto: nutrirli. Ecco qualche consiglio per renderli più belli e luminosi

Pubblicato da Valentina Morosini Martedì 15 febbraio 2011

Capelli sfibrati, ecco come curarli a casa

I capelli sfibrati sono purtroppo un must di molte donne, non lo si fa apposta, ma tra il poco tempo a disposizione e i prodotti per i trattamenti estetici (dalla banale lacca alla tinta) tendono a rovinare la fibra. Ecco quindi qualche consiglio per renderli più belli e soprattutto per preservarli dagli agenti esterni, che non necessariamente sono solo il freddo, lo smog o l’umidità, ma anche la spazzola o il phon. Iniziate pensando ai capelli come alla pelle del viso: quando la sentite tirare vi viene spontaneo idratarla? I capelli non tirano ma la mancanza di lucidità, sicuramente, è un campanello d’allarme.

Potete a casa realizzare una bella maschera fai da te. Seguite questa ricetta: frullate due mele e una banana, ricche di vitamina B6, che favorisce la sintesi della cheratina. Aggiungete glicerina (250 gr), dalle proprietà idratanti per il capello. Ora applicate il prodotto (è tanto, quindi potete conservarlo in un barattolo) sulla lunghezza del capello. Poi risciacquate e fate il classico shampoo.

Fondamentali, inolte, sono gli impacchi di olio, da quello d’oliva a quello di mandorla. Hanno funzionalità differente in base alla pianta: fatevi quindi consigliare quelli più adatti a voi. Per esempio, per capelli sfibrati e fragili o secchi ci vogliono oli al sandalo, all’argan, al geranio, al rosmarino, al ylang ylang, alla camomilla, al legno di rosa.

Ricordate che l’olio di Argan e il burro di karitè due prodotti molto preziosi e di moda in questo periodo sono fondamentali per la cura dei capelli. Lo vedrete applicazione, dopo applicazione rinascere. Infine, un appunto. Il capello ha un ciclo di vita, non si può far nulla per bloccarlo, ma lo si può rendere più bello e vivo.