Capelli estate 2010: come proteggerli dal sole, vento e salsedine

da , il

    L’estate ha il potere unico di migliorare decisamente il nostro umore e rendere le nostre giornate più lunghe, piene e divertenti. Peccato che i nostri capelli non la pensino così, costantemente aggrediti dagli agenti esterni come sole, vento e salsedine che li rendono secchi, stopposi e difficili da pettinare. Disidratati e opachi in estate i capelli sono spesso il nostro incubo peggiore e ci costringono ad applicazioni continue di olio ristrutturante e maschere che aiutano a combattere la secchezza. Primo consiglio, dunque: evitate, almeno per l’estate i trattamenti troppo aggressivi dal parrucchiere come meches o permanenti che abbinare al sole e al vento avrebbero risultati disastrosi.

    I capelli sono fragilissimi e tendono a cadere? Come succede? Lo spiega Daniele Campo, medico chirurgo del Sitri, Società italiana di tricologia: «In qualsiasi ambiente le radiazioni solari provocano la fotossidazione delle melanine (le molecole che danno colore al capello), che proteggono il fusto dai danni ossidativi, col risultato che i capelli tendono a “sbiadire”. Inoltre gli Uva, che colpiscono al cuore delle cellule, anticipano le fasi telogen e catagen e, dunque, la caduta dei capelli».

    Ma non solo mare: bisogna stare molto attenti anche al cloro delle piscine: «La salsedine disidrata il capello e il cuoio capelluto, fa perdere lucentezza ai capelli e li rende più “stopposi”, mentre il cloro fa virare il colore», sottolinea il dermatologo Antonino Di Pietro.

    Non dimenticate mai di non abbandonare la vostra routine di bellezza anche in città continuando ad applicare i prodotti anche tornati dalle vacanze.

    Ed infine la dieta, fondamentale per la bellezza dei nostri capelli: «Per mantenere i capelli sani e vitali, oltre a bere due-tre litri di acqua naturale al giorno e mangiare molta frutta e verdura di stagione, è importante un adeguato apporto dietetico di nutrienti ed extranutrienti, in particolare aminoacidi (cereali, legumi, carne e soprattutto latticini), costitutivi delle cheratine dei capelli», conclude Campo.