Capelli, come scegliere la piastra?

È molto importante anche il tipo di piastra. Esistono ormai molti strumenti diversi tra loro, adatti alla specifica funzione: per esempio le piastre termiche sono tecnologicamente avanzate ed esistono prodotti per proteggere i capelli durante questo trattamento.

Pubblicato da Valentina Morosini Giovedì 4 marzo 2010

Capelli, come scegliere la piastra?

C’è capitato più volte di parlare di stiratura e di piastra. Vi ho illustrato le tecniche per usarla al meglio. Oggi desidero ripercorrere con voi le funzioni base perché ci avviciniamo all’estate, momento in cui i capelli vengono già maltrattati a causa del sole e dell’acqua di mare, nutile sovraccaricare con altre situazioni selvagge. Intanto cercate di capire che tipo di capello avete. Il crespo, purtroppo, con la piastra non si leva, anzi se mal usata lo portate all’eccesso. Se invece avete capelli ricci, prima di passarla dovete fare una piega, anche leggera con spazzola e phon.
È molto importante anche il tipo di piastra. Esistono ormai molti strumenti diversi tra loro, adatti alla specifica funzione: per esempio le piastre termiche sono tecnologicamente avanzate ed esistono prodotti per proteggere i capelli durante questo trattamento.

Le migliori piastre in commercio, oggi, sono quelle in ceramica o tormalina, che rovinano meno i capelli ed evitano l’effetto crespo tipicamente legato ai capelli ricci. Mi raccomando usatele sempre su capelli asciutti e puliti. Lavorate su piccole zone, dividendo i capelli in ciocche e usare un prodotto per il fissaggio.

;