Caduta capelli: quando può diventare un problema?

da , il

    Caduta capelli: quando può diventare un problema?

    Ognuno di noi, ogni giorno, si ritrova con qualche capello nella spazzola, nel tubo di scarico della doccia o nell’elastico usato per la coda. La caduta dei capelli è del tutto normale ma, quando diventa anomala ed esagerata, è il caso di farsi vedere da uno specialista e di bloccare per un pò tinte e trattamenti aggressivi. Se solo passandovi una mano tra i capelli ve ne ritrovate un pò tra le dita, se li lasciate sul cuscino, sulla tastiera del pc e in generale dappertutto, è arrivato il momento di prendervi cura della vostra chioma.

    Durante il passaggio dall’estate all’autunno è normale perdere più capelli del solito perché cambia il clima, la nostra chioma viene esposta di nuovo allo smog della città e soprattutto sopraggiunge lo stress per il rientro a scuola o in ufficio. Sembra infatti che ad una donna su 3 i capelli cadono proprio per lo stress. E’ quindi fondamentale per il benessere dei propri capelli (e non solo) prendere i nostri impegni con calma e concederci sempre qualche momento di relax.

    La bellezza del capello parte dalla salute della cute. E’ quindi importantissima la detersione, proprio come per la pelle. Usate prodotti che stimolino la microcircolazione e l’ossigenazione della cute, come gli oli essenziali detossinanti che portano sangue alla superficie. Scegliere il prodotto più adatto alla propria tipologia di capelli è il consiglio più importante che posso darvi. I follicoli potrebbero anche avere bisogno di prodotti a base di vitamina E fondamentale per combattere la caduta dei capelli.

    Spesso gli shampoo in commercio sono molto aggressivi o donano una lucidità temporanea al capello. Dato che la calvizie femminile è in aumento perché risparmiare proprio su quei prodotti dai quali dipendono non solo la bellezza ma anche la salute dei nostri capelli?