Blake Lively sulla cover di Glamour Usa, un look retrò tutto da copiare

da , il

    Blake Lively è la bellissima protagonista della cover del numero di luglio di Glamour Magazine Usa. La bella Blake vive un momento d’oro e le varie cover dei giornali che si è accaparrata in questi mesi ne sono una riprova. Nel servizio di punta di Glamour Blake si trasforma in una diva anni ’60 e sfoggia una serie di look favolosi che non fanno altro che mettere ulteriormente in risalto la sua bellezza. Il make up e le acconciature realizzate sulla bella attrice magazine hanno un sapore retrò che però si rivela sempre attuale e possono essere riprodotte da tutte noi nelle occasioni in cui vogliamo un look raffinato e seducente.

    La bella Blake su Glamour Magazine impersona una diva anni ’60 che ricorda molto la mitica Brigitte Bardot, un’eslposione di sensualità sbarazzina messa in risalto da trucchi occhi dark e acconciature cotonatissime, un look molto diverso da quelli che è solita sfoggiare l’attrice.

    Per riprodurre le varie acconciature sfoggiate da Blake è fondamentale una buona opera di cotonatura, infatti è il volume esagerato il vero protagonista. Potete lasciare i capelli sciolti, in questo caso è necessario cotonare molto la sommità del capo e i capelli devono essere divisi con una riga centrale, in alternativa potete puntare su un raffinato chignon, che però deve essere molto voluminoso, per cui anche in questo caso non dovete aver paura di esagerare con la cotonatura.

    Il make up che sfoggia Blake è estremamente sensuale, gli occhi sono i protagonisti assoluti mente il viso e le labbra sono molto naturali. Realizzate una base luminosa e leggera, scaldate l’incarnato con un blush aranciato e applicate un rossetto nude pescato sulle labbra. Sugli occhi vi consiglio di realizzare una base sui toni del nocciola e di intensificare poi lo sguardo utilizzando la matita nera che va applicata all’attaccatura delle ciglia, sia superiori che inferiori, sfumata con cura portandola verso l’esterno in modo da allungare l’occhio.