Antiage, la mesoterapia per il viso

Il Neap-PP abbina due tecniche già consolidate l’uso del neeedling, che per chi non è del settore è una sorta di rotellina con degli aghetti che si fa scorrere sul viso e la fotodinamica. La tecnica impostata in questo modo dà degli ottimi risultati e i test hanno dimostrato che l’effetto dura più a lungo

Pubblicato da Valentina Morosini Venerdì 10 luglio 2009

Si chiama Neap-PP ed è una nuova tecnica di chirurgia estetica per cancellare le rughe e rassodare la pelle. E’ una sorta di mesoterapia per il viso, la vera novità dell’estate 2009. Donne, tenetevi pronte. Le vostre rughette hanno i giorni contati.
Il Neap-PP (Needling enhanced ala penetration photodinamic photorejuvenation) è stato presentato durante il congresso Sies (Società di medicina e chirurgia estetica) di Bologna e abbina due tecniche già consolidate l’uso del neeedling, che per chi non è del settore è una sorta di rotellina con degli aghetti che si fa scorrere sul viso, e la fotodinamica.

Con il rullo sterile si massaggia la zona da trattare e si stimola, questo permette la produzione di collagene. Al needling si abbina poi una terapia fotodinamica a base di acido 5-animo levulinico (5-ala) che provoca l’eliminazione delle cellule cutanee invecchiate.

La tecnica impostata in questo modo dà degli ottimi risultati e i test hanno dimostrato che l’effetto dura più a lungo. Inoltre, non ci sono controindicazioni particolari: gli arrossamenti sono minimi, così come le razioni allergiche. Il trattamento ha un unico difetto è molto lungo: ogni seduta dura circa 2-3 ore e un costo che parte da 1.000 euro. Se la zona è particolarmente lesa ci vuole un ciclo di 5 o 6 mesi.