Antiage, i nuovi prodotti solari

da , il

    Antiage, i nuovi prodotti solari

    Torniamo sul tema tintarella. Con questo caldo non possiamo assolutamente non parlare di sole e pelle. Credo che sia scattati per tutti la corsa al mare, o per chi è in città, in piscina. Non voglio ripetere tutte le solite raccomandazione su come ci si espone al sole (mi raccomando poche ore la giorno e protetti), ma sulle nuove formule proposte dai solari. Abbiamo più volte sottolineato l’azione invecchiata dei raggi Uv che danneggiano il collagene, favorendo l’insorgere di rughe. Questo, da un punto di vista estetico, è uno dei principali problemi.

    Scegliete quindi i nuovi solari con l’effetto “antiage”, che grazie alla presenza nella formula di estratti di origine naturale, come quello di senna, ricca di flavonoidi, e di attivi idratanti, come acido ialuronico, oli e i burri vegetali, per esempio di karitè o aloe, sono in grado di bloccare i segni del tempo.

    Non sottovalutate questo dettaglio, anche quando fate la lampada. Le persone molto abbronzate sembrano più vecchie e lo potete vedere a occhio nudo. In passato la nobiltà si copriva dai raggi, perché solo i contadini e chi lavorava all’aperto era scottato dal sole.

    Infine, un ultimo consiglio: qualche settimana prima dell’esposizione applicate una crema pre-solare a base di antiossidanti, come vitamina E, C, PP, coenzima Q10, acido alfalipoico e olivello spinoso. Servono a combattere i radicali liberi.

    Foto tratta da butterboom.com