Abbronzatura, prendere il sole fa bene

da , il

    Prendere poco sole, non esporsi in modo esagerato, stare attente alle allergie. Ogni estate la solfa è sempre la stessa e sperare di diventare un po’ più belle grazie alla tintarella diventa un incubo. I dermatologi però hanno assicurato che, purché con buon senso, il sole fa bene (anche contro il cancro).

    La cosa importante è evitare di scottarsi. Devo stare molto attente le persone con i capelli biondi o rossi, la carnagione e gli occhi chiari, perché sono protetti dalla melanina. Le scottature, infatti, oltre al colore ridicolo e al dolore hanno delle contro indicazioni pericolose: aumentano il rischio di tumori cutanei (state attente ai nei).

    Il sole però è un alleato delle ossa, stimola il nostro fisico a produrre vitamina D e di conseguenza chi si espone in modo corretto (un paio d’ore al giorno) ha il 50% di possibilità in meno di sviluppare osteoporosi, ma anche tumori alla prostata, al seno e al colon-retto.

    Le creme solari sono un prezioso alleato. Utilizziamole con fattore alto: idratano la pelle, la proteggono. Non dimentichiamoci che non siamo a rischio di scottature solo in riva al mare su un lettino, anche andare a passeggere in montagna o a correre in bicicletta nel parco espone il nostro corpo ai raggi. Utilizziamo oltre alla crema, anche il giusto abbigliamento.

    Per quanto riguarda i nei è meglio un controllo prima di andare in vacanza. Su alcuni potreste non dover prendere raggi diretti (vale anche per certe macchie cutanee) o andrebbero tolti. Una piccola cosa, ma ci salva la vita.