Viso perfetto al mare? È possibile

da , il

    MerzPourfemme_Pizzetti

    La bella stagione è sinonimo per molti di meritate vacanze. Ma non è lo stesso per la pelle del nostro viso che in questo periodo risente della maggiore intensità dei raggi solari e del conseguente proliferare dei radicali liberi. Come proteggerlo al meglio dallo stress e farlo apparire sempre bello e luminoso? Qualche attenzione in più e dei trattamenti di medicina estetica possono essere d’aiuto per preservare ed esaltare la naturale bellezza della pelle.

    Biorivitalizzazione

    Il trattamento consiste in piccolissime punture con le quali si inietta nel viso un cockatail di sostanze multiazione. Acido ialuronico per reidratare la pelle, vitamine e amminoacidi per ristrutturare i tessuti e antiossidanti per combattere i radicali liberi, causa dell’invecchiamento della pelle. Le sedute previste sono in media 4 e vanno ripetute ogni due settimane. Non c’è nessuna controindicazione ad effettuare la biorivitalizzazione in estate, a patto che si seguano alcune semplici regole come quella di proteggersi adeguatamente con una crema solare, specie nelle ore immediatamente successive al trattamento.

    Tossina botulinica

    Il sole intenso dell’estate ci rende più “smorfiosi”: strizziamo spesso gli occhi, corrughiamo la fronte e le sopracciglia. Questi movimenti accentuano le piccole rughe che diventano ancor più evidenti quando non si abbronzano come le zone circostanti. Per mantenere uno sguardo fresco e rilassato è sufficiente qualche goccia di tossina botulinica o un trattamento di mesobotox, ovvero botulino combinato con altre sostanze. Il risultato è molto naturale: si tratta di piccolissime quantità iniettate solo sulle rughette più evidenti per distendere lo sguardo.

    Filler

    Possono essere fatti senza problemi in estate, ma bisogna sapere che la forte ossidazione prodotta dai raggi ultravioletti ne riduce la durata. Per mantenere i risultati è bene seguire le buone regole, sempre valide, per la corretta esposizione al sole: evitare le ore centrali della giornata ed utilizzare sempre creme ad elevato fattore di protezione. In estate capita spesso che le pazienti richiedano un trattamento filler in occasione di un evento particolare come un matrimonio. Per arrivare al meglio a quel giorno è opportuno programmare la seduta con il dovuto anticipo in modo da lasciare il tempo ad eventuali piccoli ematomi di svanire.

    Fili di biostimolazione

    Si tratta di fili riassorbibili in polidiossanone che, posizionati sottopelle tramite un sottile ago, producono un effetto lifting sui tessuti che hanno perso tono e compattezza. I risultati arrivano in realtà nell’arco di circa 40 giorni perchè la funzione dei fili è quella di stimolare la produzione di fibre collagene, le proteine strutturali della pelle che ne costituiscono la trama di sostegno. I fili di biostimolazione possono essere applicati nell’interno braccia, interno coscia, ginocchia e dècolletè per contrastarne la lassità. I risultati sono molto soddisfacenti, specie sulle zone difficilmente trattabili in altra maniera.

    Dolcetto o scherzetto?