Trattamenti per il corpo, i prodotti benedetti

da , il

    La buccia d’arancia è l’ossessione di molte donne. Le rughe poi, non ne parliamo. Trattamenti e creme di ogni genere. Fiumi di soldi in prodotti estetici per diventare più belle e, ammettiamolo, la differenza se c’è non si vede. Ora sembra esserci una nuova soluzione: provare i prodotti che monaci e suore producono nel loro convento.

    I monaci Benedettini di Subiaco producono una speciale crema anticellulite a base di propoli e alghe, additivi che aiutano, se non a debellare, almeno a contenere l’effetto cellulite. Insomma, tra una preghiera e l’altra, questi bravi monaci hanno pesato ai tormenti di molte signore. I prezzi sono contenuti: entrambi i cosmetici costano intorno ai 13 euro.

    Le Trappiste del monastero di clausura di Guardamiglio, in provincia di Lucca, custodiscono alcune formule per realizzare creme di bellezza, sia da giorno sia da notte. Le religiose distillano i fiori, da cui ottengono essenze per profumi e dopobarba.

    Ovviamente hanno pensato anche alla pelle secca. Le Trappiste della Valserena producono creme per il corpo all’olio d’oliva che, grazie alle preziose proprietà protettive ed emollienti dell’olio della varietà Lazzero, prodotto nell’oliveto del loro monastero, rende la pelle liscia e morbida.

    Le suore Orsoline a Siracusa, hanno realizzato una vera beauty farm. Tra preghiere e massaggi, il “monastero spa” mette a disposizione degli ospiti docce cervicali, idromassaggio, fanghi e sauna. L’ospite che arriva qui, può chiedere anche un colloquio con un prete e assistere alla messa celebrata nella cappella a disposizione della struttura.

    Dolcetto o scherzetto?