Scrub: fatto in casa o acquistato, l’importante è farlo

da , il

    Molte sottovalutano l’importanza dell’esfoliazione, altre la ritengono inutile o piuttosto aggressiva, ma sono soltanto dei luoghi comuni, perché la verità è che è il vero primo passo per una avere una totale cura della nostra pelle. Non è necessario comprarli, esistono delle piccole “ricette” che ci indicano come fare per uno scrub fai da te, ma per le più pigre la scelta commerciale moto vasta sia per chi vuole spendere poco sia per chi non ha questi problemi. Innanzitutto bisogna conoscere la nostra pelle, e in caso di intolleranze, allergie o dermatiti, prima di pensare a quale scrub fare, meglio parlare con un dermatologo e farsi consigliare dei prodotti specifici.

    Per chi invece ha una pelle normale, basta sapere che è importante soprattutto distinguere i prodotti per il viso da quelli per il corpo. Nel primo caso, basta una mousse con micro sfere leggermente abrasive, perché il viso è più esposto e molto più delicato di tutto il resto del corpo, quindi mai utilizzare prodotti destinati a tutto il corpo sul viso, perché potreste davvero rovinarvi la pelle. Per i prodotti per il corpo vengono usati procedimenti ed elementi diversi, perché oltre ai sali esfolianti di base, molto più “aggressivi”, sono aggiunti oli nutrienti, idratanti, snellenti, riducenti o anti-acqua.

    Fare uno scrub “casalingo” è molto semplice, basta mescolare insieme del sale grosso integrale, che drena i liquidi in eccesso, insieme a un cucchiaino di zucchero, due cucchiaini di miele e tre di olio d’oliva o di mandorle dolci. Attenzione però, come già detto prima, questo tipo di alternativa non deve essere utilizzato per la pulizia facciale.

    In commercio invece ci sono prodotti molto efficaci partire da quelli più costosi, come il Talasso-scrub di Collistar, nelle versioni tradizionali e anti-acqua, dai 40€ in su, oppure quelli di Sephora che costano intorno ai 10€, ma tutte le case cosmetiche hanno gli scrub nella linea corpo.