Rossetto, quale scegliere e perché?

da , il

    Il rossetto è come un vestito

    Lucido, opaco, rosso o dalle tonalità tenue. Cosa va di moda quest’anno? Se ascoltiamo le case di cosmetiche andrà di moda quello che loro lanciano sul mercato. E ovviamente ognuna avrà la sua teoria. Ci sono dei trend (quasi tutti, ma alcuni più di altri) dettati dalla necessità di vendere un prodotto e poi ci sono dei trend individuali. Dobbiamo quindi cercare di capire con cosa ci sentiamo davvero bene e a nostro agio. “Il make up è fortemente legato alla psicologia, quindi non possiamo stravolgere le abitudini di una persona per interessi commerciali, dobbiamo invece capire come valorizzare il volto”, racconta Lisa Bressan, Make up expert La Roche-Posay, durante un incontro alla sede de L’Oréal .

    Un esempio è il rossetto rosso che quest’anno è stato il grande tormentone. Stiamo attente al tipo di labbra perché se troppo sporgenti rischia di essere volgare, altrimenti sfoggiamolo con disinvoltura. Ci sono donne però che non si vedono, perché associano il rosso a una sensualità molto pronuncia. È così solo imparte, perché non su tutte dà quel messaggio esplicito.

    Quindi il consiglio è va di moda quello che riusciamo a indossare con gusto, quello che ci fa sentire bene. Stiamo solo attenti ad abbinarlo correttamente all’abito che portiamo (è meglio che ci sia un richiamo di colore trucco-vestito) e all’applicazione.

    Evitiamo di uscire dai margine della bocca. In caso di tinte mat, non trascuriamolo. Non c’è nulla di più sgradevole di un rossetto rovinato. Purtroppo dobbiamo ritoccarlo dopo aver mangiato, fumato e bevuto. È meno impegnativa una tinta lucida.