Prova costume, come rassodare i glutei

da , il

    Un paio di belle gambe si notano subito, così come la cellulite si vede a distanza di un chilometro e ve lo dice una che ce l’ha. Sono tutte balle quelle storie che ci raccontiamo noi donne (perché io da un uomo non l’ho mai sentita) che i maschi non vedono la buccia d’arancia. Non vedere non significare tacere. Quindi dobbiamo impegnarci a fondo e lottare per ottenere due belle gambe, consapevoli che i miracoli non esistono. Dobbiamo incrociare due attività: da una parte una dieta, possibilmente drenante (tanta acqua e bevande purificanti, mirtilli, frutti di bosco, un po’ di caffè), dall’altra un po’ di sport.

    La cosa migliore sarebbe andare in piscina o in mare, ma possiamo anche lavorare a casa. Il primo esercizio ci impone di stare in piedi, gambe leggermente divaricate, ci alziamo in punta di piedi, stringiamo i glutei e contiamo fino a 20 poi lasciamo. Ripetere per 20 volte.

    Poi c’è il classico esercizio sdraiati a pancia verso l’alto e facciamo un ponte (schiena appoggiata) sollevando il sedere e stringendo i glutei. Anche in questo caso stringere e contare fino a 20, poi rilassare. Ripete 10 volte.

    Infine prendete la bicicletta un paio di volte la settimana e con il cambia stretto, fate almeno 10 chilometri. Alternate la pedalata seduta a quella in piedi (magari un chilometro e un chilometro).

    Foto tratte da

    giadenonline.com

    insegnare.it/

    iobenessereblog.it

    Dolcetto o scherzetto?