Pelle secca: la nuova linea di Excipial all’Urea

da , il

    crema excipial lipolotion b.

    Con l’arrivo dei primi freddi i problemi di pelle secca aumentano in modo esponenziale per cui bisogna prendersi cura della propria pelle. La sensazione di secchezza, pizzicore e prurito sono alcuni sintomi della pelle sensibile che con l’abbassarsi delle temperature peggiorano sempre più. Per calmarli è importante utilizzare un prodotto idratante che agisca da protezione contro gli agenti esterni come sbalzi di temperatura, vento, umidità, raggi UV e smog. Durante il bagno o la doccia è importante usare un detergente delicato e soprattutto è molto importante applicare dopo un buon prodotto emoliente.

    Per permetterci di risolvere i problemi di pelle secca Excipial presenta una nuova linea a base di Urea, un emolliente naturale in grado di idratare lo strato corneo, normalizzare il contenuto lipidico cutaneo, ristabilire l’equilibrio di acqua dispersa per via trans-epidermica e lenire il prurito. Scopriamo insieme quali prodotti compongono questa linea

    Excipial U Hydrolotion (13,50€) è una lozione idratante con formula olio in acqua, contenente il 2% di Urea, che idrata e distende la pelle sensibile. Ha un elevato contenuto di acqua ed una consistenza leggera, si assorbe facilmente, per cui la si può applicare tutti i giorni dopo la doccia, ed è rinfrescante. Questa lozione fornisce idratazione immediata e sollievo dal prurito ed è indicata per pelli normali o leggermente secche.

    Excipial U Lipolotion (14,50€) è un’emulsione con formula acqua in olio, contenente una maggiore concentrazione di urea e dalla consistenza molto ricca. E’ Indicata per pelli secche a molto secche, rigenera e protegge la cute ed è utilizzabile, come emolliente, anche in caso di dermatiti e psoriasi. La sua applicazione fornisce idratazione e protezione a lunga durata e lenisce il prurito dovuto alla pelle che tira, anche questa si assorbe facilmente e la si può applicare anche più volte durante la giornata per nutrire la pelle.

    Dolcetto o scherzetto?