Medicina Estetica

La bellezza non ha più segreti grazie ai consigli dei medici estetici e alle nuove tecniche all'avanguardia

Mommy makeover: in forma dopo il parto

Mommy makeover: in forma dopo il parto
da in Medicina estetica
Ultimo aggiornamento:

    MerzPourfemme_Lonigro_2

    Avete da poco avuto un bambino e desiderate ritrovare la silhouette che avevate prima della gravidanza? Le star americane come Victoria Beckham e Jennifer Lopez lanciano la moda del Mommy makeover (letteralmente “la ristrutturazione della mamma”) che, giunta anche in Italia, sta prendendo sempre più piede tra le donne comuni che desiderano tornare in forma dopo il parto ricorrendo all’aiuto della medicina estetica e della chirurgia plastica.

    «La nascita di un figlio rappresenta un’esperienza unica nella vita di ogni donna. È vero però che durante la gravidanza il corpo femminile subisce trasformazioni progressive che dopo il parto possono lasciare tracce» spiega la dottoressa Jlenia Lonigro, specialista in chirurgia plastica estetica e ricostruttiva. «Se la nascita di un bebè rappresenta una esperienza unica nella vita di ogni donna, è anche vero che durante la gravidanza il corpo femminile subisce trasformazioni progressive che dopo il parto lasciano evidenti tracce. Il seno appare spesso svuotato e lasso, sull’addome, sui fianchi e sui glutei compaiono nella maggior parte dei casi smagliature evidenti e la pelle di tutto il corpo risulta “asfittica” ed “ipotrofica”. Inoltre a causa dei repentini cambiamenti ormonali sia durante la gravidanza, sia dopo il parto la maggior parte delle neo mamme lamentano sudorazioni fastidiose ed imbarazzanti, fragilità dei capelli e della pelle del viso. Con tutte queste trasformazioni qualsiasi donna si sentirebbe meno attraente, favorendo l‘insorgere di stati di depressione frequenti nel periodo post partum, che possono durare anche molti mesi tanto, a volte, da mettere in crisi anche il rapporto con il proprio partner».

    Cosa fare allora? «Innanzitutto è importante che la neo mamma curi la sua alimentazione, mangiando in modo sano e privilegiando frutta e verdura, cibi che apportano poche calorie ma forniscono all’organismo molte sostanze antiossidanti e sali minerali preziosi per la salute e la bellezza della pelle e dell’intero organismo. Fondamentale poi è dedicarsi regolarmente a un po’ di attività fisica, compatibilmente ovviamente con i ritmi e le esigenze del bambino. Spesso però queste attenzioni non bastano per sentirsi bene e di nuovo a proprio agio con se stesse e con il proprio corpo.

    Ecco quindi che viene in aiuto il Mommy Makeover, un insieme di tecniche chirurgiche e cosmetiche finalizzate a ripristinare a 360° la bellezza prima della gravidanza. Il Mommy makeover più classico è il lifting del seno, aumento con o senza protesi o riduzione, l’addominoplastica e la liposuzione. Senza necessariamente arrivare ad interventi così invasivi, esistono anche poi molti trattamenti di medicina estetica e medicina rigenerativa molto più soft che se utilizzati sinergicamente permettono, step by step, un miglioramento della texture cutanea e l’eliminazione di macchie cutanee, la cui comparsa è molto frequente in gravidanza».

    Qualche esempio? «I trattamenti mesoterapici a base di vitamine e acido ialuronico per contrastare la lassità cutanea e favorirne l’elasticità o (anche durante la gravidanza) le iniezioni di plasma autologo, tecnica di ultima generazione che permette sia la prevenzione delle smagliature sia il trattamento post partum. Non dimentichiamoci poi delle innumerevoli tecnologie di cui possiamo disporre dal laser frazionato alla fotobiomodulazione con LED e le più moderne radiofrequenze etc. Pertanto se i segni di una o più gravidanze hanno sgraziato il corpo di una donna e risultano inaccettabili per la donna stessa, credo sinceramente che dopo una buona selezione delle candidate, il Mommy Makeover possa rappresentare una soluzione definitiva ed immediata per recuperare la bellezza del periodo pre gravidico, completando la felicità di una neo mamma ancora sexy ed attraente».

    625

    SCRITTO DA PUBBLICATO IN Medicina estetica