Make up: i prodotti consigliati da Jemma Kidd

da , il

    Questa primavera le tendenze trucco sono molteplici, sappiamo che il rosa corallo e il pesca sono due colori molto utilizzati, si trovano miriadi di ombretti, blush e rossetti in queste tonalità per realizzare trucchi monocromatici, il marrone è un altro colore che va moltissimo e un elemento importante per il trucco è avere un viso naturale e radioso, per cui l’ideale è usare prodotti che non creino un effetto mascherono o che siano troppo opachi.

    Jemma Kidd una famosissima Makeup Artist Inglese nella sua linea cosmetica la Jemma Kidd Make up School propone una scelta di prodotti perfetti per realizzare un luminoso trucco adatto sia alla primavera che all’estate.

    Per il viso c’è il fondotinta Mineral Skin Nourishing Tint, formulato con minerali e vitamine antiossidanti ha il fattore di protezione spf 20 ed è perfetto per tutti i tipi di pelle, idrata e nutre la pelle uniformando il colorito e comprendo le imperfezioni. Il risultato finale sarà molto naturale e luminoso. Per le labbra c’è il Gloss Hi-Shine Silk Touch, una formula studiata per durare a lungo e rendere le labbra lucidissime, è diponibile in 17 diverse tonalità di colore che vanno dal classico trasparente a colori nude, dal corallo al fucsia.

    Per il trucco occhi ci sono tre prodotti l’Eyeliner Crushed Jewel, è un gel trasparente ricco di glitter perfetto per realizzare delicate linee che regalano luce allo sguardo, è disponibile in 5 diversi colori Diamond, con glitter argento, Topaz con brillantini marroni, Lapis sul blu, Azur con glitter turchesi e Onyx un gel liner nero con brillantini argento, l’Ombretto Eye Essential Shimmer, ha una finitura setosa e tutti i colori sono molto luminosi e perlati, è disponibile in 5 diversi tonalità, tutte molto naturali che vanno dall’avorio al marrone per finire con una rosa pesca. Per avere uno sguardo da cerbiatta e ciglia lunghissime c’è il Mascara Lasting Tint, una formula leggera e waterproof che allunga le ciglia e le volumizza per 24 ore.

    Dolcetto o scherzetto?