La tintura per capelli la rende calva: indagata la parrucchiera

da , il

    calva per tintura capelli

    E’ diventata calva a seguito di una tintura per capelli: la vicenda accade ad una ragazza di 29 anni che ovviamente ora è in preda alla disperazione. La donna dopo avere constatato il suo stato, ha deciso di andare a sporgere denuncia contro la parrucchiera ai carabinieri della stazione Monviso. «Vede, brigadiere, come sono ridotti i miei bei capelli, non ne ho quasi più» ha confermato la donna ai poliziotti. Abbiamo spesso parlato di tinture per capelli che dovrebbero essere sicure ma può comunque capitare qualche caso raro di allergia: ora la parrucchiera sarà indagata, per scoprire che tipo di tinta ha usato sulla povera cliente.

    La tintura risale a qualche mese fa, al 10 settembre per la precisione. La donna dopo avere atteso tutto questo tempo ed essendosi resa conto che i suoi capelli non sarebbero ricresciuti si è presentata alla polizia. «La parrucchiera è in via Breglio… “Buongiorno, può farmi la tintura?”.

    Mi fanno accomodare e una lavorante del negozio si occupa di me. Comincia dalla decolorazione dei capelli. Mi sparge la crema e mi avvolge la testa con una cuffia di plastica. Non so perché si fa così, ma so che così si fa sempre» ha raccontato lei.

    «Provo subito un forte bruciore alla cute, anche se non mi allarmo. Lascio che la pettinatrice finisca questa prima parte del lavoro. Per la verità mi è sembrato di essere rimasta un po’ troppo con quella cuffia in testa ad aspettare, ma quando la lavorante ha ricominciato a seguirmi, nel prepararmi ad un primo lavaggio dei capelli, ho notato guardandomi allo specchio che si staccavano intere ciocche». Ormai il danno era fatto.

    «Una volta sotto l’acqua la caduta dei capelli è diventata più vistosa. L’ho fatto presente alla parrucchiera che mi ha risposto di non aver notato niente di anormale. “Passiamo alla tintura?” mi ha chiesto. Ho detto di sì».

    Da allora la donna ha perso tutti i capelli ed ora, giustamente, aspetta che giustizia sia fatta. Evidentemente è stato un errore della parrucchiera che ha tenuto il decolorante in posa per troppo tempo, anche perché le tinture che vengono usate oggi sono tutte preparate con formulazioni sicure, come sottolineato dall’UNIPRO.