Curare le unghie mangiate

da , il

    Le mani sono davvero il nostro biglietto di presentazione. Dicono se siamo tranquilli o nervosi, se siamo amanti dell’estetica o ci trascuriamo. Tutto lo raccontano soprattutto le unghie. Ecco allora qualche consiglio per evitare di mangiarle.

    E’ un vizio molto diffuso (5 italiani su 100) e tocca soprattutto le donne. S’inizia da bambini, il problema si intensifica da adolescenti (1 su 10) per poi diminuire da adulti. Mangiare le unghie è un modo per sfogare l’ansia e per controllare l’aggressività.

    Se siete mangiatori incalliti avrete già provato di tutto e nei casi più difficili c’è poco da fare. Solo uno sforzo di volontà o di autocontrollo vi può salvare. Potete applicare degli smalti sgradevoli al gusto, li trovate in farmacia. Sono prodotti studiati apposta. Un buon metodo, suggerito dal sito Bellezza, consiste nell’applicare l’olio dell’albero del tè puro o diluito con olio di mandorle dolci.

    Inoltre, le unghie mangiate diventano più deboli e tendono a sfaldarsi con facilità. Passate del limone sulle vostre unghie e poi assumente degli integratori alimentari a base di ferro, cisteina e cistina che potrete trovare in farmacia in erboristeria e nei supermercati più forniti.

    Foto tratte da:

    cokaclub.info idonails.com

    Dolcetto o scherzetto?