Cura capelli: tinture e decolorazioni quanto li rovinano?

da , il

    capelli stressati

    Ci possono raccontare tante belle fiabe, ma le tinte e le decolorazioni non fanno bene ai capelli. Ci sono quelle più salutari, per esempio senza ammoniaca, e quelle meno, ma in linea di massima tendono a stressare le nostre chiome. Come fare quindi per evitare di rovinare i capelli? Prima di tutto non esagerare. Il capello ha un ciclo di vita e una volta danneggiato non si riprende, bisogna attendere che completi il suo ciclo e che rinasca nuovo. Quindi un danno può essere davvero permanente e per non esagerare occorre evitare di darsi al colore pazzo. Cambiare tinta tre volte in un mese, per esempio, è una pessima idea, magari aggiungendo permanente o stiratura.

    Siate consapevoli nelle vostre scelte: chiedete le tinture senza ammoniaca, possibilmente anti-allergiche. Esistono, non sono ancora diffuse in tutti i parrucchieri, ma potrebbe essere anche un modo per favorirne la diffusione. Le tinture temporanee o semipermamenti, quelle che vanno via con i risciacqui, sono abbastanza innocue, potete usarle senza troppe ansie, mentre le classiche tendono a soffocare il capello.

    Ecco perché per restare in ordine, non fate la tinta tutti i momenti, aspettate di avere un po’ di ricrescita visibile. Poi c’è la decolorazione, tipica per le meches o per i colpi di sole: la parola stessa indica il tipo di trattamento. Toglie colore al capello con l’obiettivo di schiarirlo. Non provoca allergie, ma secca moltissimo.

    In questo caso, quindi è bene nutrire i capelli con shampoo e balsami, magari qualche impacco di olio. Avete bisogno di seguire dei trattamenti per ristrutturare e ammorbidirli. Anche in questo caso è bene lasciar respirare il capello: sono da ripetere ogni due o tre mesi.