Cosmoprof 2010: il futuro è la bio-cosmesi

da , il

    cosmoprof-green-volution

    Al salone internazione della bellezza appena terminatosi a Bologna, oltre alle aree interamente dedicate alla cura dei capelli, o ai prodotti make up, piuttosto che alle novità dai paesi dell’oriente in materia di nail art o di cosmesi, un’intera area della manifestazione è stata dedicata alla bio-cosmesi, ovvero l’area Green-Volution, ed il nome è stato scelto proprio ad-hoc, in quanto, se gli altri anni questa faccia della cosmesi ha sempre avuto una certa importanza, in questo 2010 ha davvero dominato.

    Ad aprire questa sezione del Cosmoprof, una vera tavola rotonda capeggiata dalle migliori corporazioni che certificano la reale natura biologica e naturale dei prodotti, che hanno spiegato come riconoscere i falsi e quali sono le sostanze da cui dobbiamo tenerci lontani, parliamo di associazioni come Ecocert, Soil Association e molte altre.

    Particolare attenzione è stata prestata anche a quella che sarà l’evoluzione eco anche per quanto riguarda il packaging dei prodotti, infatti le aziende leader nella produzione di carta, plastica e altri materiale di “imballaggio” hanno mostrato quali sono le strade e le sostanze che verranno utilizzate al fine di ottenere un confezionamento riciclabile, ecologico e che non vada a far i danni dell’ambiente.

    Insomma, da quanto emerso da questi quattro giorni, che hanno una certa rilevanza in questo ambito, abbiamo capito che, per la fortuna dell’eco-sistema, il futuro, almeno per la cosmetica, è del tutto orientato all’ecologia e al biologico.