Come non rovinare la pedicure appena fatta

E' bello sfoggiare piedi sempre in ordine, specialmente ora che l'estate si avvicina. Scopri come non rovinare la pedicure appena fatta con piccoli ma preziosi accorgimenti.

da , il

    Ecco come non rovinare la pedicure appena fatta, seguendo alcuni piccoli e preziosi accorgimenti. E’ bello sfoggiare piedi sempre in ordine, morbidi e perfettamente smaltati, specialmente ora che l’estate, la stagione dei sandali per eccellenza, è imminente. Ecco come mantenere inalterato l’appeal della pedicure!

    Indossa le infradito

    Ricordati sempre di non portare con te scarpe chiuse quando ti rechi dall’estetista per la pedicure o, in alternativa, portati delle infradito di ricambio se non vuoi indossare quelle che il centro estetico ti darà in dotazione.

    Richiedere l’utilizzo di prodotti che accelerano l’asciugatura

    In alcuni casi è bene puntare sull’impiego di prodotti che accelerano i tempi canonici di asciugatura, come il leggendario Dry Fast Top Coat di Seche Vite, in grado di far asciugare completamente e perfettamente le unghie in soli 60 secondi e di far durare lo smalto più a lungo.

    Per controllare l’asciugatura si parte dal dito più piccolo

    Controlla con delicatezza che il dito più piccolo del piede sia asciutto, partendo dalla punta. Se il mignolo è asciutto, occorrerà attendere altri 10 minuti per controllare l’alluce, che è più grande e ha bisogno di più tempo per asciugare.

    Non rischiare!

    Per essere sicura che la tua pedicure non venga compromessa nel suo risultato finale aspetta un’ora prima di indossare collant, calzini o scarpe chiuse.

    Prendersi cura dei piedi tra una pedicure e l’altra

    Specialmente ora che l’estate è vicina occorre preparare i piedi ai sandali e prendersi cura di loro anche in autonomia, tra una pedicure e l’altra. Impiega qualunque strumento tu abbia in casa: pietre pomici, creme, lozioni, lime per unghie, qualsiasi cosa ti consenta di mantenere i piedi quanto più possibile in ordine ed agevolare poi, in secondo luogo, il lavoro della tua estetista.

    Medicina estetica