Cellulite e pelle a buccia d’arancia, le cause e i rimedi per combatterle

da , il

    Cellulite e pelle a buccia d’arancia, le cause e i rimedi per combatterle

    La cellulite è l’inestetismo più odiato dalle donne e, inoltre, è anche il più democratico. Donne di ogni età e con caratteristiche fisiche diverse combattono ogni giorno con il tanto temuto effetto a “buccia d’arancia”, anche le più magre! Secondo i dati Istat, ben 14 milioni di donne in Italia sono interessate da questo insidioso problema. Nello specifico, il 90% di loro si dichiara addirittura preoccupata al riguardo e l’85% (dati Nielsen) è seriamente motivata a fare qualcosa di concreto per contrastare la cellulite. Ma quali sono le cause che portano all’insorgenza della pelle a “buccia d’arancia”?

    Giocano un ruolo chiave fattori genetici, metabolici, ormonali e vascolari che molto spesso si combinano con abitudini scorrette, quali l’adozione di uno stile di vita estremamente sedentario e un’alimentazione poco equilibrata, ricca di cibi grassi e povera di proteine, vitamine, fibre e sali minerali.

    Molte donne non sanno, inoltre, che persino gli abiti che scegliamo di indossare possono aggravare o favorire la cellulite: jeans troppo aderenti – o più in generale indumenti costrittivi ed eccessivamente fascianti – ostacolano e compromettono la regolare circolazione sanguigna. Anche stare spesso a gambe accavallate non aiuta: per quanto sia seducente, tenere le gambe l’una sopra l’altra peggiora lo stato della pelle a “buccia d’arancia”.

    È possibile, quindi, cercare di arginare il rischio di incappare nella tanto temuta cellulite abbracciando piccoli accorgimenti quotidiani di cui fare tesoro. Mangiare bene è fondamentale, così come praticare dell’attività fisica e bere molta acqua durante il giorno, per evitare la ritenzione idrica.

    I molteplici prodotti cosmetici disponibili sul mercato, inoltre, aiutano a far riacquistare alla pelle un aspetto più tonico e compatto se adoperati con costanza, riducendo le adiposità localizzate e stimolando il microcircolo grazie all’impiego di ingredienti molto efficaci come escina e caffeina. Fanghi e creme per il corpo dalle formulazioni appositamente studiate per contrastare la cellulite possono rivelarsi, quindi, un valido aiuto.

    Ciò che è davvero difficile da migliorare nella pelle con cellulite, però, è la sua superficie irregolare, caratterizzata da quelli che comunemente sono definiti “buchi”. Per minimizzare questo inestetismo è fondamentale agire in profondità, perché è proprio negli strati più profondi della pelle che si rintraccia la causa della comparsa di solchi e avvallamenti.

    Dove si trova la cellulite

    Fortunatamente, sono tanti i progressi registrati in questi ultimi anni nel campo della medicina estetica e altrettanti i trattamenti cui potersi sottoporre per ottenere risultati visibili e duraturi nel tempo.

    Ciò che spesso frena le donne nel trattare la cellulite da un punto di vista medico-estetico è proprio la paura di dover affrontare interventi invasivi che richiedono una lunga convalescenza e che, molto spesso, comportano dei rischi. Oggi, però, questo non è più necessario.

    Segnaliamo, ad esempio, uno degli ultimi arrivati in casa Merz Aestetichs, divisione dell’importante gruppo globale Merz Pharma che dal 1908 lavora per migliorare la qualità della vita dei suoi pazienti.

    Merz ha messo a punto Cellfina, uno dei fiori all’occhiello del suo portfolio di trattamenti medico-estetici innovativi. Cellfina è il primo e unico trattamento approvato dalla FDA (Food and Drug Administration, l’ente governativo statunitense che si occupa della regolamentazione dei prodotti farmaceutici ed alimentari, ndr) per il miglioramento a lungo termine dei buchi della cellulite sulle cosce e sui glutei, aree solitamente più interessate da questo problema. Cellfina agisce direttamente sui setti fibrosi presenti sotto la pelle, che si inspessiscono causando i classici “solchi” della cellulite.

    Cellfina

    I setti fibrosi vengono recisi servendosi di un manipolo aspiratore e di una speciale micro-lama, in modo tale da permettere alla cute di rilasciarsi.

    È sufficiente una sola seduta per ottenere risultati visibili di almeno 3 anni e senza alcuna controindicazione.

    Volersi bene e piacersi, oggi, è decisamente più semplice.

    Ricordiamo che si tratta comunque di un intervento chirurgico e che, per quanto minimamente invasivo, è fondamentale affidarsi a centri certificati Cellfina ed esclusivamente alle mani di medici specialisti che sono stati opportunamente formati all’utilizzo del device medico.

    Contenuto di informazione pubblicitaria