Beauty farm: nasce Officine del benessere a Seregno

da , il

    Per chi abita a Seregno e nelle vicinanze c’è una bella novità: nasce infatti il centro Officine del benessere a Seregno. Il centro nasce dal progetto realizzato dallo studio Newarch Associati di Meda con la collaborazione della Vetreria Re di Nerviano. L’elemento che ricorre in tutto il percorso è il cristallo, abbinato ad elementi insoliti come il legno e la pietra, che contraddistinguono i 2.500 metri quadrati dell’ex capannone industriale che ospita il centro. Qui potrete trovare la palestra, l’area benessere con le piscine termali, e l’area beauty con il centro estetico, distribuita su due piani da 260 metri quadrati.

    Il cristallo, declinato in diverse forme, contraddistingue tutti gli ambienti del centro: dal cortile di ingresso, alla reception, al bancone del bar, alla zona SPA fino a quella beauty.

    «L’idea alla base del progetto è stata quella di ricreare una situazione che non fosse sportiva, ma piuttosto un club con un’atmosfera raccolta Per riuscirci, abbiamo scelto di accostare il vetro al legno, ossia un materiale “freddo” che ben si presta a essere utilizzato insieme a uno “caldo”. Il vetro è un elemento duttile, che consente permeabilità visive, permettendo di vedere al di là e di allargare gli orizzonti. La visione può essere totale oppure parziale e può essere utilizzato anche un elemento decorativo», sottolinea l’architetto Gigi Trezzi che insieme a Marco Seveso ha firmato il progetto.

    Grande collaborazione con la Vetreria Re di Nerviano, azienda con una ventennale esperienza nel settore, per plasmare il cristallo nelle sue varie forme.

    «Siamo molto soddisfatti dei risultati raggiunti con il progetto delle Officine del Benessere. Con lo studio Newarch e la committenza si è subito instaurato un buon feeling e ci è stata data massima fiducia: questo ci ha permesso di azzardare soluzioni innovative sia dal punto di vista estetico che strutturale, arrivando ad ottenere un risultato di grande effetto. Siamo riusciti a raggiungere il non facile obiettivo di coniugare un ambiente estremamente raffinato, con connotazioni uniche nel suo genere, con un contesto capace di mettere a proprio agio gli ospiti», afferma Dario Re, titolare della Vetreria Re.

    Da non perdere l’area termale che comprende due vasche idromassaggio riscaldate, sia interne che esterne, con cascate d’acqua, bagno turco, sauna, calidarium, frigidarium, docce emozionali.

    L’ingresso singolo costa 29 euro dal lunedì al venerdì e 34 euro il sabato e la domenica (telo compreso).

    Dolcetto o scherzetto?